Il testo di Mattia Torre racconta una storia al limite del paradosso in cui viene fuori l’idea malsana della società contemporanea: per farcela bisogna essere sprezzanti, violenti, addirittura disposti a uccidere. La vicenda bizzarra di Alfredo Beaumont, un uomo comune, buono al limite del fesso, che si trova, suo malgrado, coinvolto in un incidente mortale. Alfredo è assolto dalla giustizia ma il suo stato d’animo lo trascina in una crisi profonda: Alfredo diventa cinico, malvagio. E il mondo che lo circonda anziché rifiutarlo gli spalanca le braccia. (Giovanni Ludeno e Giuseppe Miale di Mauro)

MIGLIORE

atto comico di Mattia Torre

con Giovanni Ludeno

regia Giuseppe Miale di Mauro

costumista Alessandra Gaudioso

produzione Casa del Contemporaneo in collaborazione con NEST Napoli Est Teatro

Si ringrazia L’Asilo

ph Carmine Luino

9 Date programmate

Dove