Tony Laudadio oggi è un inconfondibile volto teatrale e cinematografico, ma da giovanissimo si è diviso tra la musica e il teatro, per poi scegliere definitivamente la carriera di attore. In Pasqualino e Alessiuccia, di cui è autore, regista e interprete, torna alla musica, fondendola e, accompagnato in scena da chitarra, basso e tromba e suonando lui stesso il sax, ci presenta quello che lui stesso definisce “un racconto, un tentativo di miracolo, un canto a voce nuda: a fronna ‘e limone”, una storia di amore e musica, la cui architettura è costituita dalla musica di Pino Daniele. Laudadio racconta così il senso dello spettacolo <<Il discorso vale per Napoli e la napoletanità ma forse è più vasto. Dunque: c’è una ricchezza enorme che vive attorno a noi tutti, un tesoro visibile, nient’affatto nascosto, che ci arricchisce persino oltre la nostra stessa volontà e di cui spesso non ci rendiamo neanche conto. È un patrimonio di bellezza composto di architettura, letteratura, paesaggi, poesia e, soprattutto direi, musica. E in particolare la musica dei nostri amori, quella che ci ha riempito l’anima. Ad esempio quella di Pino Daniele. Tutta questa bellezza penetra attraverso la nostra pelle, l’assorbiamo giorno dopo giorno, e solo a volte ci accorgiamo di quanto ci abbia aiutato a crescere e diventare quell’insieme di emozione e pensiero che ognuno di noi è in età adulta. Averne consapevolezza è una scoperta sensazionale ma non sempre accade. Se non ti accorgi di quanto è meraviglioso l’incanto nel quale sei immerso, ti perdi gran parte del piacere. Ma c’è sempre tempo. E se non te ne accorgi da solo, ci sono gli altri che possono mostrartelo>>. 

PASQUALINO E ALESSIUCCIA. La città che incanta

reading musicale – tributo a Pino Daniele 

testo e regia

Tony Laudadio

con Tony Laudadio (voce e sax)

Ferdinando Ghidelli (chitarra)

Corrado Laudadio (basso)

Almerigo Pota (tromba)

produzione Casa del Contemporaneo

in collaborazione con Teatro Ricciardi

Dove

teatro ghirelli