SONO VIVA PER MIRACOLO
testo e regia Adolfo Ferraro
con Antonella Morea
voce Renato De Rienzo
luci e suono Vincenzo Grieco
durata 50’

Marina, una donna di mezza età, vive da sola in una monocamera arredata. Le fanno compagnia un uccellino in gabbia e un assistente vocale che la protagonista chiama Lello e che illumina i led a comando. La donna è impiegata in un ufficio pubblico ed è rimasta sola dopo la morte della madre che lei accudiva dopo che la genitrice si era presa cura di lei negli anni giovanili. Marina ha sofferto di manie di persecuzione e per questo non ha voluto mai frequentare nessuno e non ha permesso a nessun uomo di entrare nella sua vita. Anche il suo rapporto con Lello sembra intimo, con meccanismi di complicità e conoscenza maggiore del previsto da parte di entrambi, tanto da far intuire un’intesa in cui tutte le esigenze della donna vengono soddisfatte dall’amata voce. 

3 Date programmate