Michele Fazio non ha ancora compiuto sedici anni quando viene colpito per errore durante un regolamento di conti tra clan rivali. La vita di Lella, da quella sera, muta radicalmente direzione. Giorno dopo giorno, con la sola presenza di madre ferita, impone le esigenze della giustizia ai clan, denunciando, testimoniando, puntando gli occhi negli occhi di chi vuole imporle il silenzio: io non fuggo, e nemmeno chiudo la porta di casa: “Stoc ddò”. Da dove, Lella, ha tratto la forza per combattere una guerra che non l’ha mai vista abbassare lo sguardo? Dall’esempio di sua mamma, cumma’ Nenette, donna determinata nell’educare i figli alla sostanza delle cose. Dal sostegno del marito Pinuccio, della famiglia e della gente del quartiere. Ma, soprattutto, dal dialogo mai interrotto con Michele, il garzone allegro, l’angelo di Bari Vecchia. Un dialogo, quello con suo figlio, che nessun ostacolo riuscirà mai a impedire, nemmeno la morte.

per la scuola secondaria di secondo grado, dai 3 anni

teatro d’attore (durata 60 minuti)

progetto speciale POST Percorsi di/per l’Orientamento tra Scuole e Teatro

Meridiani Perduti

STOC DDO’ – IO STO QUA

regia e interpretazione Sara Bevilacqua
| drammaturgia Osvaldo Capraro | disegno Luci Paolo Mongelli

Altri contenuti

guarda il promo

Dove

teatro ghirelli