TABU’ 
performance site-specific

concept e coreografia Marianna Moccia
performers Maria Anzivino, Sara Lupoli, Paolo Rosini, Viola Russo e i partecipanti di FUNAlab
musicista Julia Primicile Carafa
aiuto regia Alessio Aronne
disegno luci Simone Picardi
produzione FUNA
con il sostegno di Casa del Contemporaneo, Teatro della Tosse, Art Garage

Tabù è un progetto in divenire della Compagnia Funa andato in scena ad ottobre in forma di primo studio al Teatro della Tosse di Genova per il Festival Resistere e Creare ’23. FUNA basa la sua ricerca sulla commistione dei linguaggi della danza, del teatro fisico, della sospensione aerea e della musica.
400 metri di corde rosse invaderanno lo spazio scenico dando vita a nuove strutture circensi evocative e non convenzionali.

Durante questa seconda fase di residenza, la compagnia si propone di ampliare la ricerca attraverso la condivisione e l’apertura del proprio immaginario, coinvolgendo i partecipanti di FUNAlab che prenderanno parte alla performance.
Il teatro sarà trasformato in un ambiente multisensoriale, in cui oggetti, suoni, luci e profumi si fonderanno armoniosamente e permetteranno allo spettatore di immergersi completamente nel mondo artistico che si sviluppa intorno a sé.

Il nostro vivere tra i vulcani è un perenne confronto con la paura dell’esplosione, ma anche una tacita accettazione della condizione di rischio costante.  Questa realtà trasforma la nostra esistenza in un Tabù, una fusione tra la precarietà continua dovuta alla morfologia del nostro territorio e la sua energia esplosiva che è al contempo motore della vita. Avvicinandoci alle viscere della nostra terra e sentendoci in simbiosi con essa, in un continuo bradisismo dell’animo umano, emerge come una eco incessante la parola “eruzione”. 

Maggio Appiso è una rassegna di danza aerea e teatro-danza immersivo con spettacoli e workshop
a cura di Funa Performings Art e Casa del Contemporaneo

approfondisci su
https://www.funaperformingarts.com/