Vito Carnale [CENTRIPETA]

Spettacolo prodotto da Artisti Riuniti
in coproduzione con Teatro Avanposto Numero Zero

Monologo a più voci, lettura scenica del primo studio su VITO CARNALE [CENTRIPETA],
trascendenza disturbante in atto unico di e con Egidio Carbone Lucifero

e con Federica Castellano, Emilio Massa, Anita Mosca, Loretta Palo
musica dal vivo Pasquale Panico
dipinti in scena di Nello Petrucci
trucco Gino Varriale
costumi Fiorenzo Di Crisci
assistente alla regia Miriam Russo
regia Egidio Carbone Lucifero

debutto

VITO CARNALE [CENTRIPETA]
Vito Carnale è un uomo insolente, aspro. Patetico. Combina le parti del suo sé scisso, in modo imprevedibile, sfrontato, inclemente, rude, ironico. Una pluralità felicemente dissennata. Vito Carnale è l’essenza spietata e sovversiva dei margini della vita.

Note di regia
Primo studio a più voci di un monologo plurale, Vito Carnale è la molteplicità che si affida alla parola, la rende protagonista e minimizza il movimento, l’azione fisica. Gli accadimenti abdicano dal palcoscenico e si impiantano nel tempio intimo dell’ascolto. La deflagrazione dell’essenziale. Il monologo debutta in Sala Assoli ed è pubblicato nella raccolta Monadi al davanzale.